Cerca
Filters
Close

Cassetta pronto soccorso fino 2 persone

Disponibilità: 22 disponibile
Codice: 389438
Produttore: Senza marca/generico

Effettua il login per visualizzare i prezzi e finalizzare l'acquisto

Clicca qui

Cassetta pronto soccorso fino 2 completa (per aziende fino a 2 lavoratori e per mezzi aziendali) D.M. 388 allegato 2

kit cassetta medica di pronto soccorso realizzata in polipropilene antiurto, che la rende adatta ad essere trasportata su mezzi aziendali. La valigetta pronto soccorso è dotata di supporto per attacco a parete, utile nel caso venga utilizzata nella sede aziendale. 

La valigetta di primo soccorso è piccola e leggera, le sue dimensioni esterne sono di mm 250 x 190 x 90, il peso è di kg 1,30.

La cassetta pronto soccorso medica contiene al suo interno quanto previsto dal DM 388 allegato 2 sulla sicurezza dei luoghi di lavoro per aziende di gruppo C e per le aziende con meno di 3 lavoratori che non rientrano nel gruppo A:

  • 1 Copia D.M. 388 del 15luglio 2003 (Decreto Ministeriale)
  • 2 coppie guanti in lattice sterili
  • 1 Flacone da 125 ml di iodopovidone (preparato cutaneo al 10% di iodio)
  • 1 Flacone da 250 ml di sodio cloruro - 0, 9% (soluzione fisiologica salina per il lavaggio delle ferite)
  • 3 Compresse di garza cm 10 x 10 (sterili ed imbustate singolarmente)
  • 1 Compressa di garza cm 18 x 40 (sterile ed imbustata singolarmente)
  • 1 Pinzetta sterile uso medicazione pronta all’uso
  • 1 Sacchetto di cotone idrofilo
  • 1 Bende in garza orlata cm 10 x 5 m
  • 1 Scatola di cerotti misure assortite pronti all’uso
  • 1 Rocchetto di cerotto in tela cm 2,5 x 5 metri
  • Un paio di forbici punta tonda
  • 1 Laccio emostatico in lattice
  • 1 Ghiaccio in busta pronta all’uso
  • 1 Sacchetto per la raccolta di rifiuti sanitari
  • 1 Istruzioni per il primo soccorso

- guanti sterili: I guanti sterili, indossati prima dell’intervento di soccorsi, eliminano il rischio in cui incorrono sia il soccorritore che la vittima di infortunio di contrarre infezioni o contaminarsi a vicenda. Una volta utilizzati, i guanti perdono la propria sterilità e in seguito all’uso vanno quindi gettati. Dopo aver prestato soccorso è opportuno lavarsi accuratamente le mani che nonostante l’uso dei guanti potrebbero essere entrate in contatto con materiale infetto.

- Soluzione fisiologica (sodio cloruro 0.9 %): Per ridurre il rischio di infezioni, le ferite e le lacerazioni della pelle devono essere accuratamente deterse. Questa operazione può essere compiuta con soluzione fisiologica, che può essere anche utilizzata per rimuovere corpi estranei o per diluire sostanze corrosive nell’evenienza di ustioni chimiche. Eventuale soluzione fisiologica residua rimasta nel flacone dopo l’apertura non può essere riutilizzata.

- soluzione cutanea al 10% di iodio: Nei casi di infortuni lievi come ferite di piccola entità o superficiali, morsi di insetto, abrasioni o escoriazioni, si può utilizzare la soluzione cutanea per disinfettare la lesione con l’ausilio di garza sterile, dopo aver accuratamente pulito sia la ferita che l’area circostante.

- compresse di garza sterili: La garza sterile è un utile supporto per nettare, disinfettare e coprire le lesioni o per applicare soluzioni detergenti, disinfettanti o cicatrizzanti. Le compresse di garza sterili devono essere maneggiate solo per mezzo di pinzette sterili e non toccate con le mani, per preservarne la sterilità. Una volta aperta la confezione, eventuale garza residua  non è più idonea all’utilizzo e deve quindi essere buttata.

 - pinzetta da medicazione sterile monouso: La pinzetta sterile monouso è necessaria per manipolare materiale sterile per il primo intervento ed evitare il contatto con le mani che può portare persita di sterilità e conseguenti contaminazioni.

- cotone idrofilo: In caso di perdita di sangue persistente, il cotone idrofilo può essere usato unitamente alla garza sterile per tamponare la ferita e arrestare o tenere sotto controllo l’emorragia.

- cerotti medicati: I cerotti sono utili a coprire e proteggere ferite lieve e abrasioni o escoriazioni superficiali che interessano una superficie non molto estesa. La confezione contiene cerotti di varie misure. Prima di applicare il cerotto, pulire, disinfettare e asciugare accuratamente la cute nella zona della lesione e in quella circostante.

- cerotto alto cm 2,5: Diversamente dai cerotti, il cerotto alto non si applica sulla lesione ma va usato unitamente a garze o bende per effettuare medicazioni o fissare bendaggi.

- benda orlata: Benda orlata si usa per realizzare bendaggi ed è particolarmente adatta in caso di ferite e lacerazioni perché non si sfilaccia e non lascia quindi residui.

- forbici: Durante le operazioni di primo soccorso è spesso necessario tagliare bende, garze, nastro cerotto o anche gli indumenti indossati dall’infortunato. Le forbici sono quindi uno strumento indispensabile nel presidio di primo soccorso.

- laccio emostatico: Il laccio emostatico viene utilizzato solo in caso di estrema necessità e solo d personale adeguatamente formato. Il laccio si usa nei casi di emorragie persistenti per arrestare la perdita di sangue.

- ghiaccio pronto all’uso: il freddo allevia il dolore dovuto a distorsioni, contusioni e amputazioni. La confezione di ghiaccio pronto all’uso si attiva mediante un colpo secco al centro della busta che causa la rottura del sacchetto d’acqua all’interno. Agitando la confezione, si ottiene il freddo. La confezione va coperta da garza prima di essere applicata sulla parte lesionata e non deve entrare in diretto contatto con la pelle.

- sacchetto monouso per raccolta di rifiuti sanitari: si utilizza per raccogliere il materiale sanitario usato e potenzialmente infetto. Può essere utilizzato anche per conservare eventuali parti amputate.

Cassetta pronto soccorso fino 2 completa (per aziende fino a 2 lavoratori e per mezzi aziendali) D.M. 388 allegato 2

kit cassetta medica di pronto soccorso realizzata in polipropilene antiurto, che la rende adatta ad essere trasportata su mezzi aziendali. La valigetta pronto soccorso è dotata di supporto per attacco a parete, utile nel caso venga utilizzata nella sede aziendale. 

La valigetta di primo soccorso è piccola e leggera, le sue dimensioni esterne sono di mm 250 x 190 x 90, il peso è di kg 1,30.

La cassetta pronto soccorso medica contiene al suo interno quanto previsto dal DM 388 allegato 2 sulla sicurezza dei luoghi di lavoro per aziende di gruppo C e per le aziende con meno di 3 lavoratori che non rientrano nel gruppo A:

  • 1 Copia D.M. 388 del 15luglio 2003 (Decreto Ministeriale)
  • 2 coppie guanti in lattice sterili
  • 1 Flacone da 125 ml di iodopovidone (preparato cutaneo al 10% di iodio)
  • 1 Flacone da 250 ml di sodio cloruro - 0, 9% (soluzione fisiologica salina per il lavaggio delle ferite)
  • 3 Compresse di garza cm 10 x 10 (sterili ed imbustate singolarmente)
  • 1 Compressa di garza cm 18 x 40 (sterile ed imbustata singolarmente)
  • 1 Pinzetta sterile uso medicazione pronta all’uso
  • 1 Sacchetto di cotone idrofilo
  • 1 Bende in garza orlata cm 10 x 5 m
  • 1 Scatola di cerotti misure assortite pronti all’uso
  • 1 Rocchetto di cerotto in tela cm 2,5 x 5 metri
  • Un paio di forbici punta tonda
  • 1 Laccio emostatico in lattice
  • 1 Ghiaccio in busta pronta all’uso
  • 1 Sacchetto per la raccolta di rifiuti sanitari
  • 1 Istruzioni per il primo soccorso

- guanti sterili: I guanti sterili, indossati prima dell’intervento di soccorsi, eliminano il rischio in cui incorrono sia il soccorritore che la vittima di infortunio di contrarre infezioni o contaminarsi a vicenda. Una volta utilizzati, i guanti perdono la propria sterilità e in seguito all’uso vanno quindi gettati. Dopo aver prestato soccorso è opportuno lavarsi accuratamente le mani che nonostante l’uso dei guanti potrebbero essere entrate in contatto con materiale infetto.

- Soluzione fisiologica (sodio cloruro 0.9 %): Per ridurre il rischio di infezioni, le ferite e le lacerazioni della pelle devono essere accuratamente deterse. Questa operazione può essere compiuta con soluzione fisiologica, che può essere anche utilizzata per rimuovere corpi estranei o per diluire sostanze corrosive nell’evenienza di ustioni chimiche. Eventuale soluzione fisiologica residua rimasta nel flacone dopo l’apertura non può essere riutilizzata.

- soluzione cutanea al 10% di iodio: Nei casi di infortuni lievi come ferite di piccola entità o superficiali, morsi di insetto, abrasioni o escoriazioni, si può utilizzare la soluzione cutanea per disinfettare la lesione con l’ausilio di garza sterile, dopo aver accuratamente pulito sia la ferita che l’area circostante.

- compresse di garza sterili: La garza sterile è un utile supporto per nettare, disinfettare e coprire le lesioni o per applicare soluzioni detergenti, disinfettanti o cicatrizzanti. Le compresse di garza sterili devono essere maneggiate solo per mezzo di pinzette sterili e non toccate con le mani, per preservarne la sterilità. Una volta aperta la confezione, eventuale garza residua  non è più idonea all’utilizzo e deve quindi essere buttata.

 - pinzetta da medicazione sterile monouso: La pinzetta sterile monouso è necessaria per manipolare materiale sterile per il primo intervento ed evitare il contatto con le mani che può portare persita di sterilità e conseguenti contaminazioni.

- cotone idrofilo: In caso di perdita di sangue persistente, il cotone idrofilo può essere usato unitamente alla garza sterile per tamponare la ferita e arrestare o tenere sotto controllo l’emorragia.

- cerotti medicati: I cerotti sono utili a coprire e proteggere ferite lieve e abrasioni o escoriazioni superficiali che interessano una superficie non molto estesa. La confezione contiene cerotti di varie misure. Prima di applicare il cerotto, pulire, disinfettare e asciugare accuratamente la cute nella zona della lesione e in quella circostante.

- cerotto alto cm 2,5: Diversamente dai cerotti, il cerotto alto non si applica sulla lesione ma va usato unitamente a garze o bende per effettuare medicazioni o fissare bendaggi.

- benda orlata: Benda orlata si usa per realizzare bendaggi ed è particolarmente adatta in caso di ferite e lacerazioni perché non si sfilaccia e non lascia quindi residui.

- forbici: Durante le operazioni di primo soccorso è spesso necessario tagliare bende, garze, nastro cerotto o anche gli indumenti indossati dall’infortunato. Le forbici sono quindi uno strumento indispensabile nel presidio di primo soccorso.

- laccio emostatico: Il laccio emostatico viene utilizzato solo in caso di estrema necessità e solo d personale adeguatamente formato. Il laccio si usa nei casi di emorragie persistenti per arrestare la perdita di sangue.

- ghiaccio pronto all’uso: il freddo allevia il dolore dovuto a distorsioni, contusioni e amputazioni. La confezione di ghiaccio pronto all’uso si attiva mediante un colpo secco al centro della busta che causa la rottura del sacchetto d’acqua all’interno. Agitando la confezione, si ottiene il freddo. La confezione va coperta da garza prima di essere applicata sulla parte lesionata e non deve entrare in diretto contatto con la pelle.

- sacchetto monouso per raccolta di rifiuti sanitari: si utilizza per raccogliere il materiale sanitario usato e potenzialmente infetto. Può essere utilizzato anche per conservare eventuali parti amputate.